Aaron Carter: “Sono bisessuale. E libero di amare”

“Posso decidere di stare con un uomo o una donna, la scelta è mia. Trovo attraenti sia gli uomini che le donne e non è una cosa che cambierà”

Aaron Carter: “Sono bisessuale. E libero di amare”

Aaron Carter, fratello minore di Nick dei Backstreet Boys, ha fatto coming out dichiarando la propria bisessualità attraverso i canali social con una lettera dedicata ai numerosi fan. Aaron canta e scrive brani rap, romantici e hip-hop. Suona vari strumenti: il pianoforte, la batteria, la chitarra e il sassofono.  In carriera ha prodotto 9 album: l’ultimo,  LøVë – EP, nel 2017. Ha anche interpretato alcuni ruoli come attore: le sue apparizioni in televisione includono i telefilm come Lizzie McGuireSabrina vita da strega, e Settimo cielo. Nell’aprile 2001 Aaron debuttò a Broadway in Seussical the Musical di Lynn Ahrens e Stephen Flaherty, con la parte di “JoJo the Who.” Nel 2004 ottenne una piccola parte nella commedia “Il Mio Grosso Grasso Amico Albert”. Il suo primo vero ruolo importante fu però nel film Popstar (2005) la quale storia è ispirata alla sua vera vita. Ha inoltre interpretato il ruolo di un pilota di motocross nel film Supercross (2005). Aaron e altri membri della sua famiglia hanno creato un reality show “House of Carters”, trasmesso negli Stati Uniti per la prima volta nell’autunno 2006, dove i fratelli Carter vivono nella stessa casa.

Il suo coming out

“Per cominciare, vorrei dire che amo ognuno dei miei fan. C’è qualcosa che vorrei dire che ritengo importante per me e per la mia identità, che ha pesato sul mio petto per quasi metà della mia vita. Non porto vergogna, ma solo un fardello che ho tenuto per lungo tempo e che ora mi piacerebbe far sparire.

 Sono cresciuto in questo settore dell’intrattenimento in un’età molto giovane e quando avevo circa 13 anni ho cominciato a provare attrazione sia per i ragazzi che per le ragazze .
C’ho pensato per anni ma non è successo niente fino ai 17 anni, quando dopo qualche relazione con le ragazze ho avuto un’esperienza con un maschio per cui provavo attrazione.

Per me la musica è sempre stata la mia tempia. Lo studio è sempre stato il mio posto sicuro. Ma l’obiettivo finale per me è quello di sentirsi soddisfatti di quello che sono e di sentirmi libero”.

Aaron Carter, interprete della hit grande Crush On You nel 1997 e che il mese scorso è stato arrestato con la propria fidanzata mentre guidava ubriaco, ha spiegato la sua decisione sostenendo come fosse un passo necessario per potere vivere una vita onesta e vera, senza segreti e compromessi. Ha inoltre rivelato di aver scoperto la propria bisessualità quando aveva 13 anni e che ha deciso di tenere tutto segreto anche a causa delle numerose influenze esercitate da alcuni componenti dell’entourage lavorativo.

Alcune settimane fa Carter era finito in ospedale a causa di un esaurimento avvenuto in seguito ad un concerto a Syracuse, New York. Il cantante, molto dimagrito negli ultimi mesi, aveva raccontato, tramite diversi tweet, di aver subito offese pesantissime da parte di alcune persone, relative al suo peso e alle sue condizioni fisiche ed estetiche. Carter aveva affermato che qualcuno sia arrivato a dirgli, senza mezzi termini, di dare l’impressione di “uno col cancro”, evidentemente sottolineando l’eccessiva magrezza fisica.

“Posso decidere di stare con un uomo o una donna, la scelta è mia. Trovo attraenti sia gli uomini che le donne e non è una cosa che cambierà” afferma Aaaron Carter.
Perchè si può amare indifferentemente. Solo amando la libertà si riesce ad amare veramente se stessi e gli altri/le altre. La libertà di scegliere e di non precludere nulla sul proprio orientamento sessuale. Perché le sfumature dei colori, proprie della bandiera arcobaleno, possono essere presenti nella nostra vita. E l’amore va sempre al di là dei pregiudizi.

Questo slideshow richiede JavaScript.