Sergio Ramos: la sua maglia… per un vassoio di lonza

Il capitano del Real Madrid ha accettato l’invito di un tifoso allo stadio: “Se mi dai la tua maglietta ti regalo un vassoio di lonza di maiale” (VIDEO, GALLERY)

Sergio Ramos: la sua maglia… per un vassoio di lonza

Inedito fuori programma per il giocatore del Real Madrid e della Nazionale spagnola, Sergio Ramos. Durante l’ultima partita casalinga di campionato contro il Real Sociedad, giocata allo stadio Santiago Bernabeu, il capitano delle Los Merengues madrilene (le meringhe per via del colore delle maglie del Real), chiamati anche Los Blacos e Los Galacticos, ha accettato l’invito curioso di un tifoso andaluso che dagli spalti aveva esposto questo striscione: “Sergio, se mi dai la tua maglietta ti regalo un vassoio di lonza di maiale mantecata”.

Dopo aver donato la sua maglia al supporter in cambio della specialità culinaria, Sergio Ramos si è congedato dal pubblico con un giro di campo a dorso nudo salutando gli spettatori e mostrando il vassoio a lui regalato.

Molti fan del giocatore si sono augurati di vedere ogni domenica il giocatore mostrare i suoi pettorali scolpiti e il suo corpo tatuato al pubblico, sperando così che possa ogni volta scambiare la sua maglia in cambio di un regalo da parte dei tifosi. Il perché si evince facilmente scorrendo la fotogallery sottostante: il suo sex appeal ha sempre oscurato anche quello del suo famoso compagno di squadra Cristiano Ronaldo. Sguardo seducente, fascino da vendere, è stato sempre inserito nelle classifiche degli uomini più belli e sensuali del pianeta.

In carriera Sergio Ramos, che compirà 31 anni a Marzo, ha vinto praticamente tutto sia a livello di club (3 campionati spagnoli, 2 Coppe del Re, 2 Supercoppe di Spagna, 2 Champions League, due Supercoppe UEFA e due Mondiali) e sia con la Nazionale di Spagna (2 volte campione d’Europa e nel 2010 campione del Mondo). Nonostante ciò è uno dei giocatori più “indisciplinati” della storia del Real Madrid, con una media di due espulsioni a stagione: d’altronde quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare…

Questo slideshow richiede JavaScript.